domenica 20 dicembre 2009

...LA STRINA COSENTINA...

Canto tradizionale cosentino

Senz’essere chiamati simu venuti,
ohi simu venuti,
a li patruni ëi via li bon truvati.
a li patruni ëi via li bon truvati.

A stu palazzu ce gira la luna,
ce gira la luna chi Gesù Cristu
ci manni fortuna chi Gesù Cristu
ci manni fortuna.

Su palazziellu ha quattru cantonere
quattru cantonere, quattru centu anni
campi la mugliere, quattru centu anni
campi la mugliere.

Su palazziellu ha quattru spuntuni,
ha quattru spuntuni, quattru centu anni
campi lu patrune, quattru centu anni
campi lu patrone.

Sientu lu strusciu de lu tavulinu,
de lu tavulinu, è la signora chi prepara lu vinu.
è la signora chi prepara lu vinu.

Sientu lu strusciu de li tavulatu,
de lu tavulatu,
è lu patrune chi piglia la supressata
è lu patrune chi piglia la supressata.

Oi c’ha ha fattu a nivi a la muntagna
Oi alla muntagna chi Dio ti guardi sta
bella cumpagna, chi Dio ti guardi sta
bella cumpagna.

Chi Diu vi manni tanti buoni anni,
tanti buoni anni,
quantu a ru munnu si spannanu panni.

Mo ne scusati si venimu de notte,
si venimu de notte, ma vi pregami e ni
aprire stà porta, ma vi pregami e ni
aprire stà porta.

Nun vi spagnati ca nun simu assai,
ca nun simu assai,
ca simu trentatrie e lu cantatore,
ca simu trentatrie e lu cantatore.

Fanni la strina chi ne soli fare
chi ne soli fare, ca ne volimu tutti m’priacare
ca ne volimu tutti m’priacare.

Fanni la strina e falla di prisuttu,
falla di prisuttu,
si u tieni curtiellu dunanillu tuttu,
si u tieni curtiellu dunanillu tuttu.

Canta lu gallu e scuotula la cuda,
scuotula la cuda,
damu la bona sira a vue signori,
damu la bona sira a vue signori.

Canta lu gallu e scuotula le pinni,
scuotula le pinni damu la bona notte e
iamuninne, damu la bona notte e
iamuninne.

1 commento:

  1. ho letto i tuoi pensieri ,li trovo interessanti,i miei li puoi trovare nel sito:pensieri e parole.it col nick Dolcepensiero che impronto anche sulla fede...complimenti.

    RispondiElimina

My Remix

Il senso della mia vita...


Dove sei in questo momento che ti cerco...
Per il mio cuore, per la mia anima, oggi è un giorno di quei giorni, uno dei tanti in cui non riesco a spiegare, non riesco a capireperchè così pesante da sopportare.

Tu che conosci più di tutti la mia anima, cerca di guarirla, cerca di capire di cosa ha bisogno, cerca di placare la sua angoscia.

Mi vuoi ascoltare? Mi vuoi aiutare? Se parlassi di te, direi: aiutami... cercami...non abbandonare quest'anima...chiusa se ne sta, desidera raggiungerti,desidera cercarti,desidera amarti. Guardami dentro e dimmi se la vedi. Parla con lei.Vai a trovarla,non abbandonarla.